‘ndrangheta, arrestato dopo 23 anni Giuseppe Giorgi: «U capra»

SAN LUCA(Reggio Calabria) – È finita venerdì mattina, dopo 23 anni, la latitanza di Giuseppe Giorgi, 56 anni, detto «U capra», esponente di primissimo piano del clan Romeo (I Stacchi), di San Luca. «Bravi, mi avete preso». Queste le prime parole che l’ex superlatitante ha indirizzato ai carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria e…

Dettagli

Non solo mafia: Roma e la morte di Falcone

Fu solo mafia? Questa domanda, antica, è riemersa nella lunga trasmissione di Rai1, ricca di ricordi e luoghi importanti, dedicata alle stragi mafiose di Capaci e di via D’Amelio. Il procuratore della Repubblica di Caltanissetta, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha sottolineato che nelle indagini ogni pista è stata seguita e tuttavia…

Dettagli

Chi era Giovanni Falcone e chi lo voleva morto?

  Che Giovanni Falcone sia morto molte volte prima di quel 23 maggio di venticinque anni fa ce lo siamo già detti. Ci siamo detti, per buttarla in letteratura, che si muore di solitudine: e Falcone era un uomo solo. Ma si muore anche circondati da affetti, sguardi, incoraggiamenti se ciascuno di quegli incoraggiamenti serve…

Dettagli

“A mano disarmata” aderisce al presidio della Fnsi

Ci saremo anche noi di “A mano disarmata” il giorno 24 alle 9.30 davanti al Parlamento a piazza Montecitorio. Il presidio è stato indetto dalla Federazione Nazionale della Stampa per chiedere a Governo e Parlamento provvedimenti concreti sui temi della lotta al precariato e del contrasto ai fenomeni delle querele temerarie e delle minacce ai…

Dettagli

Il Presidente del Senato Pietro Grasso ricorda Falcone e Borsellino

Il presidente del Senato Pietro Grasso pubblica un nuovo libro, “Storie di sangue, amici e fantasmi” (Feltrinelli). E’ l’occasione per tornare a ragionare sulle stragi palermitane di venticinque anni fa, quelle in cui morirono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. All’epoca Grasso combatteva la mafia da magistrato. Oggi è la seconda carica dello Stato. “Bisogna smitizzare…

Dettagli

A Mano Disarmata, in collaborazione con “Giornalisti nell’Erba, presenta: “Monteinferno”

Scienza, giornalismo, ambiente. Giovani e giovanissimi, ricercatori, professionisti dell’economia circolare e del mondo green. Non manca nulla per accendere il dibattito sui temi che toccano da vicino le nostre vite: dal clima all’energia, dall’inquinamento ai rifiuti. La giornata nazionale di Giornalisti nell’Erba è il 19 maggio a Roma presso l’ex Cartiera Latina al Parco dell’Appia…

Dettagli

La relazione dell’on. Batti alla commissione parlamentare sulle Ecomafie

La Commissione, nell’ambito della sua attività istituzionale, così come definita dalla legge 7 gennaio 2014, n. 1, è chiamata “a fare luce sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti” ma anche a “individuare le connessioni tra le attività illecite nel settore dei rifiuti e altre attività economiche”, le “attività illecite connesse al traffico illecito…

Dettagli

Fnsi e Odg parte civile al processo per le minacce a Federica Angeli

«Continueremo a scortare le croniste e i cronisti minacciati: questa volta siamo al fianco di Federica Angeli». Il presidente, Giuseppe Giulietti, e il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, esprimono così la soddisfazione per la decisione del Tribunale di Roma di accogliere la richiesta di costituzione di parte civile della Federazione Nazionale della Stampa Italiana…

Dettagli

A mano disarmata è sbarcata al Parlamento Europeo

Mercoledì 10 maggio, alle 18.00, nel Salone dei membri del Parlamento Europeo, è stato proiettato il documentario “La fabbrica fantasma” di Mimmo Calopresti (visibile sul canale Atlantic di Sky), fulcro della terza edizione del “Forum internazionale dell’informazione contro le mafie”. Patrocinato dalla Federazione Nazionale della Stampa, dalla Associazione Stampa Romana e dall’Ordine dei Giornalisti del…

Dettagli